Stampa questa pagina
Martedì, 26 Gennaio 2016 00:16

Gli effetti della depenalizzazione sul diritto sanzionatorio del lavoro

Scritto da 
Vota questo articolo
(7 Voti)

Gli effetti della depenalizzazione sul diritto sanzionatorio del lavoro

Pierluigi Rausei

Bollettino ADAPT, 25 gennaio 2016


Per effetto del decreto legislativo 15 gennaio 2016, n. 8 (attuativo della legge 28 aprile 2014, n. 67, pubblicato nella GU n. 17 del 22 gennaio 2016), in vigore dal 6 febbraio 2016, il quadro normativo del diritto sanzionatorio del lavoro muta sensibilmente in forza della intervenuta depenalizzazione di numerose ipotesi di reato in materia di lavoro e di previdenza obbligatoria.

In effetti, l’art. 2, comma 2, lett. a), della legge n. 67/2014 delegava il Governo a trasformare in illeciti amministrativi tutti i reati in materia di lavoro e previdenza obbligatoria puniti con la sola pena della multa o dell’ammenda, non essendo tali materie incluse nell’elenco di quelle escluse dalla depenalizzazione.

 

www.bollettinoadapt.it

Letto 1412 volte
Pierluigi Rausei

Sono il titolare di questo sito. Ho la fortuna di essere papà di tre figli meravigliosi e marito di una donna straordinaria, moglie, mamma e Architetto. Sono Avvocato, ma lavoro nella Pubblica Amministrazione come dirigente. Credo nel diritto del lavoro "per" il lavoro che vede la persona al centro di ogni riflessione, specialmente nella "grande trasformazione" che il lavoro sta vivendo. Al diritto del lavoro dedico per passione analisi, studi e ricerche che in questo sito metto a disposizione degli operatori del mercato del lavoro con sintesi dei miei interventi ed estratti delle mie pubblicazioni. 

Ultimi da Pierluigi Rausei